Come conservare la legna in modo ottimale?

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Come conservare la legna in modo ottimale?

La buona combustione di un caminetto o di una stufa inizia con lo stoccaggio della legna. Attraverso questo articolo ti suggeriremo alcune buone pratiche per il corretto posizionamento della legna, in modo da potenziare al massimo la sua resa calorifica.

È bene ricordare che la legna appena tagliata, conserva un’umidità tra il 40 e il 70 per cento, quindi non brucia bene ed anzi, inonda la stanza di fumo e gas sgradevoli. 

Per far si che la legna abbia un impatto ambientale ridotto quindi, è necessario bruciarla solo quando è totalmente secca: il ruolo principale qui viene svolto dal luogo in cui si posiziona, ma anche dal tipo di stoccaggio.

A seconda della tipologia, la legna raggiunge il periodo perfetto per l’essiccazione in un tempo che va da uno a tre anni dopo che è stata tagliata. Il periodo varia in base alla durezza del legname: per esempio per i legni più morbidi come l’abete è sufficiente un anno, mentre per i legnami più duri come il faggio servono tre anni. Consigliamo di non andare oltre i tre anni, poiché è possibile che degradandosi perdano il loro potere calorifico.

Come scegliere il luogo per lo stoccaggio ideale?

I luoghi all’aperto sono preferibili in quanto nei luoghi al chiuso non è sempre favorito un giusto ricircolo d’aria per permettere alla legna di essiccarsi. Alcuni luoghi in cui poterla accatastare sono per esempio: un lungo muro di casa con il tetto spiovente, una tettoia indipendente o costruita apposta, oppure  in box di rete metallici. 

Nel caso la vostra scelta fosse quella di accatastarla vicino ad un muro, abbiate la premura di lasciare almeno 10-15 cm di spazio dalla parete, in modo che circoli l’aria anche nei pezzi di legna più in profondità. Anche l’umidità del terreno non è da sottovalutare: consigliamo infatti di tenerla rialzata in modo che i pezzi di legna dell’ultimo strato abbiano la possibilità di essiccarsi.

Un ultimo piccolo consiglio per la buona combustione: la legna non brucia in maniera corretta quando è freddo, per questo è meglio tenere alcuni pezzi vicino al caminetto in un contenitore, in modo che prendano il calore dell’ambiente e rendano al meglio.

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Iscriviti alla nostra newsletter
Per te uno sconto del 10% sul primo acquisto, valido su tutti i nostri prodotti.

10% di sconto