Quale pellet è meglio acquistare?

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Quale pellet è meglio acquistare?

Molto spesso, scegliere il tipo di pellet da utilizzare rappresenta un cruccio per chi ha comprato da poco una stufa a pellet o per chi pensa che i pellet che utilizza normalmente non renda abbastanza.

Uno dei metri di paragone del pellet è relativo al residuo di cenere ed al grado di sporcizia che il pellet rilascia all’interno dell’apparecchio utilizzato per la sua combustione. 

Il pellet viene suddiviso in tre categorie:

  • Classe A1: rispecchia la qualità più elevata poiché contiene una quantità di cenere pari allo 0,07%

 

  • Classe A2: qualità media, che contiene una quantità di cenere minore o uguale al 1,2%

                 

  • Classe B: questa tipologia di pellet non viene utilizzato per uso domestico, contiene una quantità di cenere massimo del 3,5%  

 

Un’altro dei fattori importanti di ponderazione consiste nella quantità di umidità: meno umidità sarà presente all’interno del pellet, più il risultato e la combustione saranno performanti. Un pellet che rispetta gli standard, solitamente contiene un’umidità minima all’8% e non superiore al 12%.

Anche il tipo di legna non è certo un elemento da sottovalutare nella scelta: i legnami più utilizzati sono il faggio e l’abete. Questi due tipi di legname hanno diverse caratteristiche, tuttavia il loro potere calorifico è molto simile.

La potenza del pellet 100% faggio supera leggermente il pellet 100% abete, ma si consuma in modo veloce e lascia un residuo fisso (cenere) importante. Il pellet 100% abete è il più richiesto, può essere prodotto con abete bianco oppure rosso. Esso ha una buona resa calorifica ed un minor residuo fisso (cenere).

Un compromesso per la combustione è costituito dal pellet misto abete e faggio: in questo modo potrai beneficiare delle caratteristiche di entrambi i legnami. Esistono pellet prodotti anche con altri legnami come ad esempio il legno di castagno, molto buono ma difficile da reperire e di conseguenza anche molto costoso. 

È bene considerare, durante l’acquisto, anche la provenienza del legname poiché influisce molto nella produzione del pellet per quanto riguarda il clima, il tipo di coltivazione e anche la conformazione del territorio.

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Iscriviti alla nostra newsletter
Per te uno sconto del 10% sul primo acquisto, valido su tutti i nostri prodotti.

10% di sconto